come fare un ditalino perfetto

Guida su come fare un ditalino perfetto ad una ragazza

Prima di spiegare come fare un ditalino perfetto, ovvero come masturbare una donna, occorre fare una premessa doverosa.
A differenza degli uomini, che pongono le attenzioni maggiori sul piano fisico, le donne sono molto più mentali e sensoriali, quindi sono più attente a tutto quello che ruota intorno al sesso. Amano sentirsi desiderate, amano i complimenti, le attenzioni e le coccole.

Quindi, per cominciare bene, è necessario avere alcune accortezze come curare l’aspetto e la pulizia, tenere le unghie corte e pulite per evitare di graffiare o creare infezioni o fastidi che rovinerebbero questo momento speciale.

Un uomo deve sempre avere delicatezza, anche quando la situazione si fa più intensa e spinta. Inoltre deve sempre cercare di captare i vari segnali che una donna invia durante l’atto.

Smorfie di dolore, possono voler dire che non sta gradendo quel tipo di attenzioni e quindi bisognerebbe cambiare tipo di movimento, rallentare il ritmo o ancora passare ad un’altra zona erogena.
Mentre se inizia ad ansimare, mordersi le labbra o inarcare la schiena, vuol dire che siamo sulla strada giusta e possiamo continuare e magari provare a intensificare il movimento.
Molto importante è anche il fatto di lasciarsi guidare dalla donna nel caso provasse a direzionare le vostre dita o le mani oppure se dovesse farvi richieste o sussurrarvi qualche indicazione.

Altra premessa da fare è che la donna può avere due tipi di orgasmi:

Ricordate di non trascurare nessuno dei due per poi concentrarsi dove capite che la donna gradisce di più, in quanto ogni donna è diversa.

Come fare un ditalino perfetto spiegato in modo semplice

Prima di penetrarla, ricordate di aspettare che la vagina sia ben lubrificata dalle secrezioni, questo per facilitare l’ingresso delle dita e non provocare dolori e spegnere completamente il desiderio.
Inoltre, una buona lubrificazione, rende tutta la zona più scivolosa.
In caso di problemi di secchezza vaginale, adottate lubrificanti naturali oppure la saliva. Mai e poi mai infilare le dita o qualsiasi altro “giocattolo” in una vagina asciutta.

Detto questo, possiamo passare ad alcune tecniche o strategie per regalare orgasmi meravigliosi alla propria compagna o moglie.

Prima di tutto, e questo è valido non solo per la masturbazione ma per ogni rapporto sessuale, i preliminari.
Questi non devono mai mancare e soprattutto occorre dargli il tempo necessario per permettere alla donna di scaldarsi e lasciarsi andare, quindi non trascurateli mai e non abbiate fretta.
Baciatela intensamente, sussurratele frasi all’orecchio, leccatele il lobo e il collo.
Questo vi aprirà la strada per poter cominciare a spogliarla e iniziare a toccarla, dapprima sopra i vestiti per poi insinuarsi piano piano nelle parti intime.

Quando si arriva alla zona pelvica, si può iniziare a stimolare la parte esterna della vagina con le dita, o la lingua, schiudere delicatamente le grandi labbra e passare a dedicarsi al clitoride, che è una zona molto sensibile per la maggior parte delle donne.

I movimenti migliori per stimolarlo sono quelli circolari, quindi immaginate di premere con due o tre dita su di esso e muoverlo in senso orario o antiorario, oppure schiacciarlo delicatamente tra pollice e indice. Potete anche variare il movimento provando a disegnare un otto o il simbolo dell’infinito (l’otto rovesciato ∞ ), oppure alternare il massaggio alle pressioni.

Poi molto lentamente, potete iniziare ad infilare prima un dito, poi due, fino a quando sentite che avete raggiunto il limite e a quel punto, potete iniziare a muovere le dita all’interno.
Solitamente le dita migliori da usare sono indice e medio, oppure medio e anulare.
Cercate anche in questo caso di variare la velocità e i movimenti e non procedete solo ad una semplice penetrazione avanti e indietro con le dita,
Se volete variare un po’, potete usare anche vari accessori come vibratori, palline cinesi, ovuli vibranti e vari sex toy.

Oltre al ditalino c’è di più

Durante la penetrazione manuale, potete andare alla ricerca del famoso “punto G.”, una zona apparentemente molto sensibile, ma dove ci sono molti dibattiti e pareri discordanti sulla sua esistenza, in ogni caso vale la pena provare.

Ricordatevi anche che avete due mani, quindi mentre con una vi state dedicando alle parti intime, l’altra la potete usare per toccare le altre zone come seno, cosce, sedere, capezzoli o altro.

Cercate anche di usare la bocca e la lingua, baciandola o leccandola dappertutto e sussurrargli frasi all’orecchio.
Se la donna è consenziente, potete spingervi anche ad un po’ di “dirty talking”.

Un consiglio è quello di non concentrarvi troppo con baci sulla bocca, in modo da lasciare lo spazio alla donna di poter respirare, ansimare o parlarvi.

Questi piccoli accorgimenti vi aiuteranno a far godere al massimo una donna, in modo da farle apprezzare sempre di più il sesso e vedrete che sarà di aiuto anche a voi maschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *